Leonor Espinoza vince il Basque Culinary World Price 2017

Leonor Espinosa De La Ossa, più nota con il soprannome di 'Leo' è la chef vincitrice della seconda edizione del Basque Culinary World Price.

Il Basque Culinary World Price è un riconoscimento istituito dal Basque Culinary Centre di San Sebastian e dal governo regionale dei Paesi Baschi per segnalare le persone (non necessariamente cuochi) che  all'interno del mondo della gastronomia con le loro iniziative danno vita ad esperienze  che promuovono il ruolo della gastronomia  come motore di sviluppo sociale. Nel suo ristorante Leo Cocina y Cava a Bogotà, la chef nata a Cartagena nel 1963 propone una cucina colombiana contemporanea con importanti richiami alle complesse tradizioni gastronomiche del paese sudamericano valorizzando la ricchissima biodiversità del territorio. La Espinoza con la sua attività valorizza la cucina popolare del suo paese come elemento identitario e promuove l’innovazione come strumento per valorizzare l'uso della biodiversità. “Grazie all'attività della Funleo (Fundacin Leo Espinoza) - recita la motivazione - Espinoza promuove la conoscenza delle culture gastronomiche ancestrali dei popoli indigeni e soprattutto afro-colombiane, favorendo  processi di crescita in contesti rurali e di sovranità alimentare, incentivando la commercializzazione dei prodotti di piccoli produttori, l'educazione (anche nutrizionale) della popolazione, l'imprenditorialità e il turismo all'interno delle comunità indigene”.  L'attività del  Centro Gastronomia di Choco da lei fondato si distingue inoltre per garantire un futuro professionale a tanti giovani che altrimenti troverebbero nel traffico della droga  la loro unica possibilità di sopravvivenza.

La giuria del Basque Culinary World Prize (BCWP) formata da chef, esperti  e studiosi di fama internazionale ha scelto Leonor Espinoza fra un pacchetto di 10 candidati fra i quali era presente anche l'italiano Niko Romito (Reale a Castel di Sangro) che partecipava  con il progetto "Intelligenza nutrizionale" promosso in collaborazione con l'Università La Sapienza di Roma che si propone di reinventare, rivoluzionandolo, il concetto stesso di mensa ospedaliera  grazie a tecniche moderne e tecnologie mutuate anche dall’alta cucina, che consentono di riqualificare le modalita` di preparazione del vitto.

Il premio consiste in un assegno del valore di 100mila euro che il vincitore potrà utilizzare per sostenere un progetto da lui indicato che valorizzi il ruolo della cucina come elemento di trasformazione sociale.

pubblicato il 31/07/2017

condividi

Associazione Le Soste
Via Duca degli Abruzzi n. 7/A
20871 Vimercate (MB)
Tel. 039 6080661 - Fax 039 6081526
P. IVA 02408840961
info@lesoste.it | privacy policy